Decreto Investimenti. Oliveti “Nel rispetto dell’autonomia e peculiarità”

152

Il Decreto investimenti per le Casse di previdenza dei professionisti, atteso per la fine di giugno, sta per tagliare il traguardo. Nell’articolo pubblicato su Il Sole 24 Ore a firma Federica Micardi a parlare è anche il presidente dell’AdEPP e dell’Enpam, Alberto Oliveti.

“L’impostazione del Decreto è stata delineata – commenta Oliveti a Il Sole 24 Ore – e penso che non dovremmo attendere molto per la sua pubblicazione. Speriamo di vedere i criteri sui quali poi adattare le nostre riforme prima della pausa estiva”.

Il Decreto investimenti, secondo Oliveti, ha un’impostazione condivisibile perché rispetta la peculiarità e la specificità di ogni Cassa, “rispetta anche l’iter procedurale che ci è stato dato – sottolinea Oliveti – perché prevede che ogni Cassa faccia un proprio regolamento investimenti da presentare poi ai ministeri vigilanti per l’approvazione. È chiaro che i criteri delineati dal Decreto andranno resi compatibili con le caratteristiche di ogni singola categoria”.

“Da un lato c’è un percorso rispettoso dell’autonomia degli enti e della loro specificità – spiega Oliveti alla giornalista – nello stesso tempo però vengono stabilite delle linee di attività non basate su divieti, limiti e tempi bensì sulla conformità a determinati requisiti di idoneità a partecipare alla vita finanziaria, quindi le caratteristiche della squadra di gestione del rischio e del team dedicato ai progetti d’investimento, la diversificazione, l’attenzione all’equilibrio tra le componenti liquide e le componenti illiquide”.

“Il grande pregio del Decreto in arrivo – conclude Oliveti – è quello di lasciare all’autonomia vera, responsabile delle Casse la definizione dei correttivi più adeguati”.