Il Consiglio dell’UE Approva il Mandato per la Piattaforma Europea delle Tecnologie Strategiche

88

Il Consiglio dell’Ue, riunito nel Coreper, la riunione degli ambasciatori degli Stati membri Ue, ha approvato il 10 gennaio il mandato negoziale parziale sulla proposta di regolamento relativo alla Piattaforma europea per le tecnologie strategiche (STEP).

L’istituzione della nuova Piattaforma europea per le tecnologie strategiche rientra nel pacchetto di revisione di medio termine del Quadro Finanziario Pluriennale dell’UE 2021-2027 ed è indirizzata a rafforzare i fondi esistenti rendendone più efficace ed efficiente l’uso, favorendone la riprogrammazione e orientandone i finanziamenti verso tecnologie in settori considerati strategici (deep-tech, clean-tech, bio-tech) per cogliere a pieno le opportunità e conseguire gli obiettivi della transizione verde e digitale.

Oltre a sostenere lo sviluppo o la produzione di tecnologie, la proposta è diretta anche ad affrontare le carenze di manodopera e di competenze in tali settori strategici.

Il mandato negoziale è parziale, come precisa la nota del Consiglio, “poiché la sua posizione sul sostegno finanziario aggiuntivo per STEP dipenderà dall’esito finale dei negoziati orizzontali sulla revisione intermedia del Quadro finanziario pluriennale per il periodo 2021-2027“.

Nel mandato approvato, il Consiglio chiarisce gli obiettivi e l’ambito di applicazione di STEP e conferma il suo sostegno al sigillo di sovranità e al portale della sovranità proposti per gli investimenti legati alla piattaforma.

La proposta di Regolamento è stata presentata dalla Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio il 21 giugno 2023, e ha ricevuto il parere favorevole del Comitato europeo delle Regioni e del Comitato europeo economico e sociale. A ottobre 2023 anche le Commissioni Budget e Industria, Ricerca ed Energia del Parlamento europeo hanno adottato una Relazione sulla proposta di Regolamento, dando mandato per l’avvio del negoziato interistituzionale. Nella proposta originaria della Commissione si prevedeva l’adozione di una linea guida che avrebbe dovuto specificare ulteriormente gli ambiti di intervento, ma tale previsione è stata eliminata nel corso delle discussioni in Consiglio.

 

La Piattaforma rappresenta una prima risposta alla raccomandazione formulata dal Consiglio europeo nelle Conclusioni del 23 marzo 2023 volta a “garantire la piena mobilitazione dei finanziamenti disponibili e degli strumenti finanziari esistenti e utilizzarli in maniera più flessibile, così da fornire sostegno tempestivo e mirato nei settori strategici senza minare gli obiettivi della politica di coesione.” Proprio per facilitare l’uso dei finanziamenti disponibili e creare sinergie tra gli strumenti di finanziamento per gli investimenti in tecnologie critiche, il Consiglio propone l’individuazione di risorse che sosterrebbero gli obiettivi di STEP all’interno di una serie di programmi e fondi UE esistenti, tra cui InvestEU, Horizon Europe, Fondo europeo per la difesa, Fondo per l’innovazione, Strumento per la ripresa e la resilienza (RRF) e fondi della politica di coesione 2021-2027.

Il Consiglio ha espresso parere favorevole sulla proposta della Commissione di applicare un tasso di cofinanziamento del 100% e un prefinanziamento del 30% per le priorità STEP nel periodo di programmazione 2021-2027 per i fondi della politica di coesione, nonché la proposta di consentire investimenti nelle grandi imprese. Considerando la continua pressione di bilancio negli Stati membri, il Consiglio ha anche deciso di applicare retroattivamente un tasso di cofinanziamento del 100% ai programmi di coesione 2014-2020 nell’ultimo anno contabile, prorogando al contempo di 12 mesi il termine per la presentazione delle domande di pagamento.

Inoltre, il Consiglio ha incluso nel suo mandato alcune altre disposizioni per ridurre gli oneri amministrativi per gli Stati membri e facilitare la riprogrammazione dei fondi verso gli obiettivi STEP.

Le flessibilità eccezionali che possono essere introdotte nell’ambito della politica di coesione 2021-2027, riguardano ad esempio: l’introduzione di obiettivi specifici dedicati a supportare le priorità della Piattaforma STEP nell’ambito degli Obiettivi Strategici “Un’Europa più intelligente” e “Un’Europa più verde” mediante la programmazione di priorità dedicate e, conseguentemente, l’adozione della decisione di modifica dei programmi interessati entro il 31 ottobre 2024. Tali priorità potrebbero essere finanziate dal FESR anche per azioni a vocazione FSE Plus (formazione, apprendimento permanente, istruzione, riqualificazione). E’ stata inoltre proposta la possibilità di introdurre priorità dedicate a supportare gli obiettivi della Piattaforma STEP nell’ambito dei programmi finanziati dal FSE+ 2021-2027 secondo le modalità sopra descritte.

 

https://www.consilium.europa.eu/it/press/press-releases/2024/01/10/strategic-technologies-for-europe-platform-council-agrees-its-partial-negotiating-mandate/