Formazione per i Liberi Professionisti. La Toscana aumenta le risorse e pubblica il nuovo bando

53

La Regione Toscana ha approvato, con Delibera del 26.02.2024un’integrazione di ulteriori risorse da destinare al finanziamento delle domande presentate sul bando (scaduto il 6/11/23) che permetterà di finanziare tutte le domande di voucher presentate, salvo gli esiti delle procedure di ammissibilità e valutazione

Il bando prevedeva voucher formativi individuali rivolto a liberi professionisti che svolgono attività di tipo intellettuale di età compresa tra i 18 e i 65 anni, con una premialità per i giovani under 40, e per questo si inserisce nell’ambito del progetto Giovanisì.

Il voucher copre i costi per l’iscrizione e la frequenza a corsi di formazione e aggiornamento professionale, singole annualità delle Scuole di Specializzazione, corsi di alta formazione e Master di I e II livello in Italia o all’estero, anche in modalità e-learning.

L’importo massimo riconoscibile per ciascun voucher è di 3.000 euro.

Chi può partecipare

Possono richiedere il voucher formativo i liberi professionisti tra i 18 e i 65 anni (con premialità per i giovani under 40), residenti o domiciliati in Toscana, che esercitano attività intellettuale, in possesso di partita IVA o che esercitano l’attività in forma associata o societaria (senza partita IVA), iscritti:

  • ad albi di ordini o collegi professionali:
  • ad associazioni professionali inserite nell’elenco di cui alla L. 4/2013 art. 2 comma 7 e/o alla L.R. n. 73/2008 e ss.mmi.ii;
  • alla Gestione Separata dell’INPS come liberi professionisti.

É possibile presentare domanda di voucher per il finanziamento di:

  • corsi di formazione e di aggiornamento professionale erogati da agenzie formative accreditate, ordini/collegi/associazioni professionali;
  • singola annualità delle Scuole di Specializzazione in possesso del riconoscimento del MIUR;
  • corsi di alta formazione erogati dalle Università italiane e dalle Scuole di alta formazione riconosciute da Ordini e Collegi e/o da AGENAS (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali);
  • master di I o di II livello in Italia o all’estero, erogati da Università e Scuole di alta formazione italiane, riconosciute dal MIUR o da autorità competenti estere.

I percorsi formativi devono avere la finalità di sviluppare, rafforzare e aggiornare le competenze necessarie per la gestione e la conduzione dell’attività professionale. Dovranno avviarsi a partire almeno dal giorno successivo alla data di presentazione della domanda e non oltre 6 mesi dalla data del decreto di approvazione della graduatoria.

L’importo di ciascun voucher è calcolato in base alle ore del corso prescelto.